U13 M BOR GLOBEX – Pallacanestro Trieste B 17:92 (7:22, 0:30,7:18; 3:22)

BOR GLOBEX : Lobato, Todorov , Reggente 7 , Marchione , Roncelli , Clara 2 , Talpo 8 , Stopar , Radovini .

Kot pričakovano, se je zadnja tekma prve faze prvenstva U 13 končala za našo ekipo z visokim porazom proti ekipi Pallacanestro Trieste B, ki skupaj z drugo njihovo ekipo A, veljata za najboljši ekipi prvenstva.
Ponovno nismo bili zmožni popraviti napak iz prejšnjih tekem, ki izvirajo iz pressinga nasprotnikov (32 izgubljenih žog) in to še posebno pri ponovnemu postavljanju žoge v igro, pa čeprav je ravno ta element eden glavnih točk na treningih. Vendar glavna razlika je v tem, da na treningih se izvaja “soft” pressing, na tekmi pa je le-ta realen in znatno trši. Dokler naši fantje ne bodo razumeli te globoke razlike, nam bo trda predla.
Vsak igralec mora končno doumeti, da je zanj nujno potrebno se izpopolniti in zboljšati. To bo nato pozitivno vplivalo na igro celotne ekipe in jo izboljšalo. Ni mogoče namreč, da na tekmi celo šest igralcev na devet ni naredilo niti ene točke, ostali trije pa vsi skupaj le 17.
S takimi številkami se ne gre daleč in tudi v drugi fazi nam bo slabo kazalo, pa čeprav se bomo merili z mnogo bolj dostopnimi ekipami.
Vendar v končnici tekme, ob prekinitvi, ko je manjkalo 3 minute in 58 sekund do zaključka tekme, pri rezultatu 14 proti 92, smo si zadali cilj, naj nasprotnik ne preseže 100 točk. In ta cilj smo ga tudi uresničili, saj smo mi nato dosegli 3 točke, močnejši nasprotnik pa niti ene.
V tej fazi sem videl, še posebej v obrambi, ekipo ki sem jo želel videti od septembra lani, to je odločno, zagrizeno in z željo se boriti na istem nivoju s katerokoli ekipo kategorije.
Ta epizoda, ki je vsaj začasno vzbudila zavest igralcev, nas mora prisiliti k razmisleku.

Si è conclusa come da copione con una sconfitta ,l’ultima partita della prima fase del campionato U 13 della nostra squadra contro la Pallacanestro Trieste B, accreditata assieme alla loro altra squadra A , come le due migliori del campionato.Ancora una volta non siamo stati capaci di capitalizzare gli errori fatti durante le precedenti partite in fase di pressing subito ( 32 PP ),sopratutto sulla fase iniziale delle rimesse dal fondo e laterali ,nonostante questo sia uno dei temi principali che vengono proposti durante gli allenamenti. La differenza sta nel fatto che durante gli allenamenti il pressing è soft ,mentre in partita è duro e reale e se ancora non ci è chiaro questa differenza ,sarà estremamente dura.Ognuno dei giocatori deve prendere coscienza di migliorare se stesso e conseguentemente la squadra,poiche non è possibile che durante la partita sei giocatori su nove non abbiano fatto nemmeno un punto,mentre gli altri tre in totale ne hanno fatti solo 17 .Con questi numeri non si va da nessuna parte e anche nella seconda fase,pur con squadre piu’ abbordabili sarà estremamente dura .A conclusione della partita , a 3 minuti e 58 secondi dalla fine della gara sul punteggio di 14 a 92 ,durante un time out ci siamo dati un obiettivo e precisamente quello di non prendere 100 punti .Tale evento non si è verificato in quanto noi abbiamo fatto 3 punti ed abbiamo lasciato sempre a 92 punti i ben più quotati avversari.In questa fase ho visto la squadra ,sopratutto in difesa , che avrei voluto vedere da settembre ,fatta di determinazione ,agonismo e voglia di competere alla pari contro qualsiasi squadra di categoria.Questo episodio che ha risvegliato almeno temporaneamente gli animi dei giocatori, ci deve far decisamente riflettere.

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *