U 14 M SOKOL – BOR 73-71 (14-15; 35-33; 48-45; 63-63)

SOKOL:  Lopreiato 1, Pro 6, Kralj 4, Gerin 28, Gruden, Smotlak 12, Zannoni, Persi 22, Monet

3 točke: Persi 3, Smotlak 1

Trener: Vatovec W.

BOR: Cepar 2, Bellettini nv, Hollan 21, Vrabec, Žerjal 11, Talpo, Stokelj 13, Terčon 24

3 točke: Hollan 3, Žerjal 1

Trener: Terčon A.

Tak derbi, kot smo mu bili priča v nabrežinski telovadnici v prvenstvu U14 med našima ekipama, ki zasedata vrh lestvice prvenstva, je res lepa slika naše mladinske košarke. Čeprav sta bili obe ekipi zelo okrnjeni zaradi bolezni ali poškodb in sta igrali praktično šest proti sedmim (borovci so zadnji hip ostali še brez trenerja in je na klopi igralce odlično vodil Aljoša Terčon), je bila tekma zelo izenačena, igra pa hitra in res zanimiva. Že to, da sta kar dva igralca na vsaki strani zadela več kot dvajset točk, obe ekipi pa kar deset trojk (sam Persi jih je dosegel pet) in da po koncu regularnega dela ni bilo še zmagovalca dokazuje, da je bila tekma res vredna ogleda. Prvo četrtino je za eno točko zmagal Bor, na polovici tekme pa je bil Sokol spretnejši in šel na odmor z dvema točkama naskoka.V tretji četrtini sta obe ekipi dosegli enako število točk, v izdihljajih tekme pa, ko je že kazalo da bo Sokol zmagal, saj je 15″ pred koncem tekme vodil 63-60 z dvema prostima metoma na razpolago, je Persi zgrešil obadva.   Odbito žogo so pobrali borovci, jo v nekaj sekundah podali Stokelju pod nasprotnikov koš, kjer je zadel dragocen koš in si ob zvoku sirene prislužil še dodatni prosti met, ki ga je v popolni tišini, ki je zavladala v nabrežinski telovadnici hladnokrvno tudi zadel. V podaljšku so bili domačini le malo bolj zbrani in uspeli zmago obdržati doma. Pohvalo in aplavz s tribun so si za res lepo košarkarsko predstavo zaslužili prav vsi igralci tako na eni kot na drugi strani.

Non c’è miglior fotografia del basket giovanile sloveno, del derby che si è svolto nella palestra di Aurisina tra le squadre del Sokol e del Bor, ambedue ai vertici della classifica del campionato U14. Nonostante si siano presentate con compagini rimaneggiate per  malattie o infortuni (infine hanno giocato 6 contro 7)  e con il Bor che ha dovuto fare a meno all’ultimo momento anche del proprio allenatore, sostituito egregiamente da Aljoša Terčon, la partita era molto intensa ed equilibrata. Il fatto che due giocatori di ogni squadra hanno segnato più di venti punti, che durante la partita sono state segnate dieci triple (cinque segnate da Persi del Sokol) e che la partita è finita ai tempi supplementari dimostra che era un derby con la D maiuscola. Il primo quarto è stato vinto dal Bor per un punto, a metà partita il Sokol era avanti di due lunghezze mentre nel terzo quarto hanno segnato lo stesso numero di canestri. A 15 secondi dalla fine con il Sokol avanti 63-60 e con Persi in lunetta con due tiri a disposizione che potevano chiudere la gara, la mano del giovane talento di Vatovec ha tremato e sbagliato ambedue i matchball. Il Bor ha catturato il rimbalzo e con una transazione veloce ha servito sotto il canestro avversario Stokelj, che non si è fatto pregare segnando il canestro del -1 e grazie al fallo subito a tempo scaduto, ha avuto in mano il tiro libero per riportare il Bor in partita. In una palestra ammutolita ha dimostrato di avere sangue freddo ed ha realizzato il tiro della parità regalando alla propria squadra un’ulteriore chance. Nel supplementare i ragazzi di Vatovec sono stati più lucidi e sono riusciti a vincere la partita. Alla fine, tutti i giocatori scesi sul parquet si sono ampiamente guadagnati l’applauso del pubblico presente sugli spalti. 

 

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *